Peter Pan e Wendy. I residui adolescenziali nella coppia.

Giovedì 6 aprile 2017

Suvvia, siamo adulti, dunque! Certo, è così… ma siamo proprio sicuri che nel nostro modo di relazionarci nella coppia non vi sia ancora qualcosa degli adolescenti che eravamo? Magari nel nostro modo di ascoltarci e di comunicare, o nel senso di possesso che a volte ancora sentiamo nei confronti del partner, o nel nostro rispecchiarci un po’ narcisistico in lui/lei? E come fare a crescere ancora insieme, anche se non fossimo più proprio anagraficamente ragazzini? Giulio Fontò ci porta molti esempi, frutto della sua lunga esperienza di psicologo psicoterapeuta e molte suggestioni su come renderci consapevoli dell’eventuale lato adolescenziale della nostra relazione di coppia e su come provare a renderla un poco più adulta.

Ascolta la registrazione:

Relatore: Giulio Fontò

Giulio Fontò è psicologo psicoterapeuta a Milano. Autore di numerose pubblicazioni, tra le quali citiamo Dall’illusione al disincanto. Fenomenologia delle relazioni di coppia e familiari (Grupop Poliartes, 2017), Considerazioni fenomenologiche attuali. Nuovo Umanesimo per una psicoterapia inattuale (Gruppo Poliartes, 2019), Sette lezioni in tempi di pandemia. Nuove prospettive di senso e di cura (Gruppo Poliartes, 2021)


Potrebbe interessarti anche...

Diritti e limiti: un equilibrio possibile?
Diritti e limiti: un equilibrio possibile?

Giovedì 3 novembre 2016 Anche grazie ai successi della scienza, nella nostra società è molto presente l’idea che sia sempre possibile superare i limiti, qualunque limite. Eppure, il limite non è sempre solo un ostacolo che si frappone tra noi e un desiderio: è anche ciò che definisce la nostra identità: ciò che siamo e […]

Dialogare tra misericordia e perdono
Dialogare tra misericordia e perdono

Giovedì 1 dicembre 2016 E’ istintivo pensare alla misericordia come a qualcosa che, per nostra iniziativa, riannodi un legame che qualche evento ha spezzato o reso più incerto. Ma è così davvero? Davvero l’iniziativa è solo nostra? E porta a un vero perdono, o spesso soltanto a una più o meno consapevole rimozione dell’accaduto? Guido […]