Riconoscimento. Custodire l’identità e coltivare l’alterità.

Giovedì 11 novembre 2021

Ogni essere umano per diventare se stesso ha bisogno di avere un significato per gli altri, di essere “qualcuno” per qualcun altro. E’ fondamentale vivere l’esperienza di essere “visto” e riconosciuto come proprio simile e come individuo unico ed irripetibile. Essere riconosciuti e riconoscere sono le chiavi per una relazione significativa, capace di accogliere le persone nella loro diversità e nella loro pari dignità: in particolare, nella coppia al riconoscere e all’essere riconosciuti si aggiunge il riconoscersi come coppia.

Elisabetta Orioli, Psicologa, ha collaborato fino al 2010 con il COSPES dei Salesiani dove si è occupata di orientamento, psicodiagnostica, consulenza clinica e formazione. Attualmente lavora come psicoterapeuta; collabora a progetti formativi per genitori e per coppie e con il Centro Giovani Coppie San Fedele.

Adriano Pennati è socio fondatore del Centro Giovani Coppie San Fedele, nel quale è stato coordinatore e operatore delle attività formative, con particolare riguardo ai Training di formazione per conduttori/facilitatori. Ha fondato nel 1980 Satef srl, che ha diretto come Amministratore e Presidente sino al 2015, sviluppando un’intensa attività di formazione formatori, di progettazione formativa, di formazione manageriale, di project management per clienti pubblici e privati. Per il Centro Giovani Coppie San Fedele ha curato l’edizione di “Coppia, casa, città” e della raccolta delle conferenza di Paola Bassani. Attualmente coordina l’attività di comunicazione del Centro.

Guarda o ascolta le registrazioni:


Potrebbe interessarti anche...

Normalità. Rendere nuova l’abitudine
Normalità. Rendere nuova l’abitudine

Giovedì 17 marzo 2022 Normalità e novità, a guardar bene, non sono questioni e concetti tanto differenti. Sicuramente non sono questioni ed esperienze separabili, opponibili: la normalità si definisce in riferimento alla nostra idea di novità/differenza, la novità si definisce in riferimento a esperienze e rappresentazioni di normalità e prevedibilità. Nelle relazioni, nello stare con gli altri, […]